Bendetto Labre, la biografia del Santo pellegrino

postato in: Notizie | 0

Ragguaglio del servo di Dio Benedetto Giuseppe Labre francese

A cura di Paolo Asolan, con prefazione di Paolo Caucci Von Saucken e con il saggio di Vittorio Lanteri

La riedizione anastatica: Benedetto Labre ha camminato molto lungo le vie dei pellegrinaggio ed era inevitabile che, prima o dopo, lo avremmo incontrato. Le strade, in effetti, spesso sono state le stesse, anche se percorse in tempi diversi, ma è stato soprattutto il sentimento che ci anima a portarci sulle orme del santo pellegrino. Perché ristampare proprio questa vecchia edizione su San Benedetto Labre? Innanzitutto per il carattere esemplare della sua vita. Un santo pellegrino come lui, pellegrino su tutte le strade, interprete assoluto della carità cristiana, memoria viva di una tradizione che non si è mai spenta, rappresenta il riferimento più prossimo e sicuro; ma anche perché in un certo senso la sua e la nostra epoca si assomigliano: entrambe epoche di crisi e di rinunce, entrambe epoche frivole e superficiali, tempi nei quali occorre fare seguire ai princìpi, come ha fatto Benedetto Labre, folle di Dio, i comportamenti e le opere.

L’autore: Giuseppe Loreto Marconi era un sacerdote secolare che esercitava il suo ministero a Roma. All’epoca della stesura del Ragguaglio aveva quarantun anni (essendo nato nel 1742 a Cittaducale, presso Rieti) ed insegnava Sacra Scrittura presso il Collegio Romano, dopo essere stato Ripetitore nel Seminario Romano, entrambe istituzioni della Compagnia di Gesù che era stata appena soppressa. Risiedendo nel Collegio, celebrava la Messa e confessava nell’annessa chiesa di sant’Ignazio, prestandosi per le cosiddette predicazioni urbane e impegnandosi in una multiforme attività pastorale. Fu teste sia al Processo diocesano che in quello Apostolico istruiti per la canonizzazione di Benedetto Giuseppe Labre. Fondò all’Esquilino il conservatorio detto “delle Cenciose” per fanciulle povere e abbandonate, beneficato dalla regina di Sardegna Maria Clotilde, allora in esilio a Roma e della quale Marconi fu direttore spirituale. Fu autore di varie operette, alcune delle quali molto fortunate quanto a diffusione: penitente guidato al tribunale di penitenza ed alla sagra mensa eucaristica sulle tracce dell’Angelico Giovane S. Luigi Gonzaga o sia Istruzione Pratica per ben confessarsi e comunicarsi proposta a tutte sorte di persone specialmente alla gioventù.

Il volume è disponibile presso lo Spedale

Lascia un commento